Arrow
Arrow
Slider

LA LEGGE PER TUTTI I CITTADINI. RESPONSABILITA’ MEDICA E SUSSISTENZA DI COLPA DEL PAZIENTE

LA LEGGE PER TUTTI I CITTADINI: STUDIO LEGALE NICASTRO & LORIA UNICO PORTALE SULLA RESPONSABILITA’MEDICA IN CALABRIA RICHIEDI SUBITO UNA CONSULENZA O UN APPUNTAMENTO  ONLINE AL 338.5459795 -0984975350 MAIL ;spironicastro@teletu it RISPOSTA ENTRO LE 24/48 ORE LO STUDIO E’ PRESENTE A : COSENZA, CROTONE, CATANZARO, REGGIO CALABRIA, VIBO VALENTIA.                        

Corte d’Appello, Roma, sez. III civile, sentenza 11/03/2015 n° 1667

In vent’anni di attività forense abbiamo assistito all’atteggiarsi della responsabilità civile del medico in vario modo ed in diverse graduazione della colpa. Spesso tale responsabilità medica viene temperata  dal “ concorso di colpa del paziente”, tanto che occorre di volta in volta  valutare il grado di incidenza dell’azione del paziente ossia valutare quanto egli abbia  contribuito alla verificazione  dell’evento morboso.

È questo, in estrema sintesi, il principio espresso dalla Corte di Appello di Roma nella sentenza n. 1667 del 2015, resa nel delicato settore della responsabilità civile in campo medico, recentemente interessato da una serie di pronunce (da ultimo, la più importante del Tribunale di Milano del 17 luglio 2014) che vanno tutte nella direzione di un temperamento di tale forma di responsabilità al fine di arginare il noto fenomeno della “medicina difensiva”.

Nella fattispecie, la ricorrente riferiva di “essersi impigliata con l’anello del quarto dito della mano sinistra ad un cancello causandosi la lesione (consistita nello scuoiamento del dito)” dalla quale residuava, all’esito dell’ intervento sanitario, la deformazione anatomica del dito, la perdita di sensibilità e capacità di prensione, l’assenza di articolazione e cicatrici.

In primo grado, parte convenuta veniva condannata al risarcimento del danno (quantificato in € 82.240,86) in quanto “non appare inverosimile ritenere che una tempestiva e corretta diagnosi ed una tempestiva e corretta terapia avrebbero verosimilmente evitato l’evento negativo”.

La Corte d’Appello, in parziale riforma della sentenza impugnata, ha dato atto che nel nostro sistema giudiziario, “il medico o la struttura sanitaria convenuta in giudizio dal preteso danneggiato ha ormai possibilità di scampo pressoché nulle” e ciò a causa di plurimi fattori quali “la totale dislocazione della responsabilità dal versante contrattuale”, il fatto che “l’obbligazione del medico e della struttura sanitaria è riguardata come obbligazione di risultato”, che “il nesso di causalità si scrutina in applicazione del parametro del più probabile che non”, e, infine, che “l’incertezza sul nesso di causalità ridonda in danno del medico”.

Pertanto, prosegue la Corte, pur non essendovi spazio per rigettare la domanda in ragione della mancanza di prova del nesso di causalità tra la condotta del sanitario ed i postumi patiti dalla danneggiata “atteso il quadro della giurisprudenza di legittimità” in materia (si richiama, però, sul punto la sentenza milanese del 17 luglio 2014 ut supracitata), “i detti postumi sono il frutto quanto meno del concorso del fatto colposo della danneggiata, che per propria evidente negligenza –distrazione si è provocata lo scuoiamento del dito”. avv. Piero Spiro Nicastro

 

Lascia una risposta